side-area-logo

Aristide Najean

Aristide Najean, artista pittore e scultore francese ha appreso l’arte del vetro presso i più grandi Maestri Vetrai a Murano.
La sua esperienza pittorica, i suoi colori, la luce e l’ombra trovano nel vetro la sua dimensione scultorea.
Najean crea nella sua fornace – La Cattedrale – sculture di luce, installazioni luminose e originali opere d’arte, pezzi unici e inediti in cui si fondono pittura e scultura.
Superando il patrimonio della tradizione muranese, Aristide ha portato un nuovo impulso artistico al mondo dell’arte del vetro contemporaneo.

Image module

THE ART OF GLASS.
IN THE HEART OF MURANO.

Creando il vetro

Najean rende sua la tradizione del vetro veneziano, impadronendosi a pieno dell’eccellenza di questo materiale, tenuto giorno e notte in una lava ardente. Per anni, impara, riorganizza la sua tavolozza di colore, assorbe il vetro, allungandolo, deformandolo, soffiandolo. Chiedendo il suo permesso e catturandone la luce, Aristide trasforma la sostanza minerale, sottomettendola alla sua ricerca pittorica, alla sua immaginazione ed alla sua poesia, dando vita a forme inedite e originali create da gesti che si ripetono identici nei secoli.

Fuoco sabbia e poesia

Mare, sabbia e fuoco organizzano la vita di Murano. All’alba, il vetro fuso reclama il suo compimento e cerca la forma che verrà a cristallizzarsi. Come un traghettatore, l’artista del vetro accompagna la materia da una consistenza all’altra, infondendole poesia, energia e vita. Tra le voci forti degli operai che coprono il perpetuo rumore del forno, è sempre il Vetro ad avere l’ultima parola.

Image module
  • Come si realizza un’opera
    La creazione del vetro

    Realizzando con successo i progetti a lui affidati, Aristide guida lui stesso la sua squadra di vetrai. Sotto le sue attente istruzioni, con l’aiuto di strumenti secolari, maestri di vetro altamente qualificati intagliano il vetro incandescente con gesti precisi e veloci. Il loro compito è quello di preparare i colori minerali, applicare l’oro, riportare alla fiamma ogni due minuti la canna di vetro. Tutto in un solo respiro, tenuto sotto controllo dal vetro e dalla sua rapida perdita di malleabilità, mentre il calore dei forni mantiene la sua temperatura rovente.

  • Arte e design
    Pezzi unici

    Il lavoro di Aristide ha catturato l’attenzione di architetti e designer di fama mondiale come Jean-Michel Wilmotte, Patrick Jouin et Sanjit Manku, Bruno Moinard and Philippe Starck, che per primo lo scopre. Nel 2013, invitato da Starck , Aristide collabora con Baccarat Crystal per la collezione Zenith sur la Lagune, realizzando un lampadario dal risultato spettacolare. Le tradizioni storicamente rivali del cristallo francese e del vetro italiano per la prima volta dialogano insieme: i cervi dai colori vivaci di Najean esaltano con la loro vivacità l’incantevole lampadario in vetro scintillante di Baccarat.

  • Spirito e materia
    Creazioni in vetro

    Aperto ad ogni fonte di ispirazione, Najean osserva il mondo con grande curiosità. Un universo colmo di immagini contraddistingue il suo stile. La profonda conoscenza del vetro gli permette di sapere fin dove arrivare con il suo schizzo e l’estensione entro la quale il materiale conserverà la forma scolpita. Aristide disegna a terra i suoi bozzetti, prima di realizzare le sue opere. Poi, mentre il vetro prende forma, la polvere di gesso sbiadisce sotto i suoi passi. La scultura ne manterrà intatto il segreto.

  • Opere uniche
    Fuoco, sabbia e poesia

    Le sculture di Najean derivano dalla sua insaziabile curiosità e ne sono la risposta. Oltre la forma emerge una presenza serena. Dalla sua esperienza pittorica, l’autore conserva il concetto di pezzo unico, datato e firmato. Ogni opera è unica e irripetibile, come la storia che la ispira e la persona a cui è dedicata. Alla sensibilità di Aristide il compito di condividerne l’emozione e l’ideazione, attraverso temi e colori. A questo si aggiunge la luce, una luce che non è solo fisica, ma luce dall’anima, che illumina chi la riceve. E’ un’arte che offre se stessa come presenza per l’altro.